Come creare un carosello per LinkedIn

No Comment

Che cos’è il carosello?

Prima di capire come creare un carosello per LinkedIn bisogna spiegare di cosa si tratta. Il carosello è uno degli strumenti più utilizzati negli ultimi mesi sulla piattaforma professionale. Si tratta di una sorta di slideshow che consente di condividere con gli utenti un numero impressionante di informazioni attraverso delle singole immagini.

Il carosello può essere composto da documenti pdf, immagini in jpg, jpeg o png e permette di giocare con la creatività in maniera molto interessante, dato che la gabbia grafica viene costruita dal creatore sul suo computer o smartphone.

A cosa serve il carosello?

Lo strumento carosello è una valida alternativa ai post testuali, alle immagini singole, alle dirette o ai video. Nel media mix dei contenuti che si possono pubblicare sul social può essere integrato benissimo dato che ha un tasso di engagement più alto rispetto agli altri format. Serve a far conoscere un prodotto, servizio attraverso degli swipe verso sinistra. Proprio come i caroselli più celebri di Instagram, o quelli pubblicitari già ampiamente utilizzati su Facebook.

Come creare un carosello per LinkedIn senza errori

I modi per creare un carosello performante su LinkedIn sono diversi, ad esempio è possibile utilizzare un file in pdf, oppure utilizzare un software come Adobe Illustrator per poter avere il controllo della creatività dall’inizio alla fine. Ma tra queste due soluzioni, la prima più semplice (basta un file di testo convertito in Word e la seconda, che richiede innanzitutto la padronanza con la suite Adobe) esistono una serie infinita di altre possibilità. Ad esempio, è possibile realizzare un ottimo carosello con Power Point, oppure con una delle più blasonate app del momento: Canva.

Io utilizzo Photoshop. Mi trovo bene con questo software che mi consente di avere parecchia elasticità e diverse possibilità. Proprio per ottenere il carosello più adatto alle mie esigenze. Ecco la mia tabella di marcia:

1 Trovare un’idea

Il mio carosello tipo generalmente parla di content marketing e social media, anche se differenzio sempre il tipo di contenuto in base alla piattaforma.

2 Disegnare il carosello

Prima di digitalizzare il carosello, lo disegno sempre su un foglio di carta, anche solo con un pennarello. Questa operazione mi consente di avere sempre le idee chiare e seguire una storyline ben definita

3 Digitalizzare il carosello

Utilizzo Photoshop per costruire il carosello. Creo un’area di lavoro di 10.800 pixel x 1.350. Facendo così ho esattamente idea della dimensione totale del file che andrò a costruire. Dopodiché, in base alla bozza su quaderno e al mio gusto, costruisco il contenuto. Mediamente, impiego dalle 4 alle 5 ore per un carosello di semplice costruzione. Impiego molto tempo a cercare la giusta configurazione estetica, costruire lo storytelling e definire la UX.

4 Pubblicare il carosello

Una volta terminato il carosello su Photoshop e dopo averlo esportato in .pdf è giunto il momento della pubblicazione. Per andare online basta aprire un nuovo post sul proprio profilo, creare un copy interessante, selezionare l’icona del documento (quella accanto alla macchina fotografica e alla videocamera) caricare il documento e pubblicare. Boom!

LEGGI ANCHE: 6 REGALI TECH EPICI

5 errori più comuni del carosello

Tuttavia, occhio a questi 5 errori, che potrebbero distruggere tutto il lavoro svolto finora. Attenzione dunque! Esamineremo questi singoli errori in uno dei prossimi post dedicati 😉

1 pubblicare un contenuto noioso

2 inserire troppo testo

3 non tenere conto del visual, che deve essere sempre originale

4 utilizzare dei titoli poveri di qualità

5 utilizzare una cta finale debole

 

Previous post
Social media, la cassetta degli attrezzi per il 2020
Monoruota elettrico, il mezzo del futuro?
Next post
Micromobilità: 6 mezzi elettrici del futuro che puoi comprare ora
Back
it_ITItaliano
en_USEnglish it_ITItaliano
SHARE

Come creare un carosello per LinkedIn